INFORMAZIONI

Adduzione Acqua: cosa significa e a cosa serve?

Cosa significa adduzione acqua?

L’adduzione acqua è il processo di trasporto dell’acqua da una sorgente, come un bacino idrico o un serbatoio di raccolta, fino ai punti di distribuzione, come abitazioni, edifici commerciali o industriali. Questo sistema assicura un flusso costante e sicuro di acqua potabile per scopi domestici, commerciali e industriali. Un impianto adduzione acqua è composto da diverse parti essenziali: vediamole insieme!

Componenti di base dell’impianto adduzione acqua potabile

Non ci può essere acqua senza una sorgente! La prima cosa da verificare quanto si vuole progettare un impianto di adduzione acqua è la presenza di un fiume, un lago, una diga o un pozzo. L’acqua viene prelevata da questa fonte per essere poi trattata e distribuita nell’edificio di destinazione.

Nell’eventualità che la sorgente d’acqua fosse più bassa rispetto ai punti di distribuzione, sarà necessario prevedere anche delle stazioni di pompaggio per “spingere” l’acqua attraverso il tubo di adduzione dell’acqua in salita. Questi strumenti hanno la conseguenza quindi di aumentare la pressione e il flusso dell’acqua.

Ovviamente non ci si può aspettare che l’acqua prelevata direttamente dalla fonte sia pura e incontaminata. Motivo per cui è indispensabile installare sistemi di trattamento dell’acqua per garantire un corretto filtraggio e disinfezione dell’acqua prima della distribuzione. In questo modo si può essere sicuri di rimuovere in modo efficace contaminanti e batteri dannosi.

La richiesta d’acqua non sempre è la stessa e proprio per questo vengono utilizzati in un impianto di adduzione idrica dei serbatoi di accumulo per immagazzinare l’acqua trattata in attesa di essere distribuita. Questi container aiutano a mantenere un flusso costante durante i picchi di richiesta o in caso di interruzioni nell’erogazione.

Essenziale per il funzionamento di un impianto di adduzione acqua è la rete di distribuzione ovvero l’insieme di tutti i tubi di adduzione acqua che permettono di distribuirla a tutti i punti di destinazione come case, edifici commerciali e industriali o fontane. Per controllare il flusso d’acqua all’interno di tutto il sistema di adduzione idrica sono anche necessarie delle valvole e dei regolatori. Questi componenti permettono di regolare la pressione e di dirigere l’acqua verso aree specifiche quando necessario.

Come ultimi elementi, ma anch’essi di importanza cruciale, possiamo parlare dei misuratori di flusso e dei dispositivi di controllo. Questi strumenti misurano il flusso d’acqua e possono essere utilizzati per monitorare l’erogazione in base alla domanda o per controllare che non ci siano anomalie o guasti nell’impianto idrico.

adduzione idrica

Funzionamento dell’impianto di adduzione acqua potabile

Il funzionamento degli impianti di adduzione idrica si può evincere già dai suoi componenti, ma cerchiamo comunque di schematizzarlo in breve. In primo luogo avviene il prelievo dell’acqua dalla sorgente. Successivamente l’acqua prelevata viene trattata tramite filtraggio e decontaminazione per rimuovere batteri e agenti dannosi. 

Una volta trattata, l’acqua viene pompata attraverso i tubi di adduzione acqua dalla stazione di pompaggio ai serbatoi di accumulo e quindi distribuita attraverso la rete di tubazioni e piping alle destinazioni finali. La pressione e il flusso dell’acqua vengono controllati e monitorati costantemente per garantire un flusso costante e la manutenzione periodica viene eseguita per garantire il corretto funzionamento dell’impianto.

adduzione acqua

Differenze tra Adduzione Idrica Civile e Adduzione Idrica Industriale

L’adduzione idrica civile e industriale differiscono principalmente nelle loro finalità, dimensioni, complessità e requisiti operativi.

Adduzione Idrica Civile

L’adduzione idrica civile si concentra sulla fornitura di acqua potabile per uso domestico, pubblico e comunale. L’obiettivo principale è fornire acqua sicura e pulita per soddisfare le esigenze quotidiane di una comunità, di un quartiere o un’area urbana limitata. Di conseguenza le dimensioni e la portata sono di scala minore rispetto a un impianto industriale.

L’acqua destinata all’uso civile attraversa processi di trattamento standard per garantire la rimozione di contaminanti, batteri e impurità, rendendola sicura per il consumo umano. L’adduzione idrica civile richiede un monitoraggio costante della qualità dell’acqua, oltre a manutenzione regolare delle reti di distribuzione per prevenire perdite e garantire un flusso costante.

Adduzione Idrica Industriale

L’impianto idraulico industriale è progettato per supportare processi industriali specifici, come quelli nelle industrie manifatturiere, chimiche, petrolchimiche, dell’energia o minerarie. L’acqua può essere utilizzata come solvente, agente di raffreddamento, componente di produzione, o per altri scopi industriali. Gli impianti di adduzione acqua industriale sono quindi progettati per gestire volumi d’acqua significativamente maggiori rispetto agli impianti civili per soddisfare i bisogni delle attività produttive.

A seconda delle esigenze dell’industria, l’acqua potrebbe richiedere trattamenti specializzati come purificazione, desalinizzazione, o trattamenti chimici specifici per adattarla allo scopo di ogni realtà industriale.Gli impianti industriali richiedono un monitoraggio avanzato, sistemi di controllo sofisticati e un livello di manutenzione più tecnico e specifico, in quanto l’acqua può essere un componente critico per il processo produttivo.

Se sei interessato ad un impianto adduzione acqua e hai bisogno di un preventivo oppure se necessiti di maggiori informazioni, contattaci senza esitazione. Gli specialisti del team di Inklima sono sempre disponibili per aiutarti a scegliere l’impianto più adatto al tuo caso!

    Hai bisogno di una consulenza?

    Mandaci il tuo contatto! Il nostro staff ti ricontatterà nel più breve tempo possibile.

    I campi contrassegnati da (*) sono obbligatori.