SERVIZI

Impianti automatici di spegnimento ad acqua

Impianti automatici di spegnimento ad acqua

L’elemento per eccellenza che combatte il fuoco è l’acqua, Inklima offre tutte le soluzioni tecnologiche antincendio che continuano ad impiegare questa risorsa naturale come agente estinguente realizzando impianti fissi e mobili.

Impianti sprinkler

Gli impianti sprinkler sono la misura di protezione antincendio più diffusa nei grandi edifici, ambienti adibiti a lavorazioni, magazzini, centri commerciali, stabilimenti, depositi e autorimesse. 

Quello ad umido è il sistema sprinkler più semplice, i vari ugelli sono alimentati da una rete idrica costantemente in pressione, il funzionamento di questo sistema è legato al singolo ugello che alla fusione dell’elemento termosensibile della testina erogatrice (sprinkler) determina l’immediata fuoriuscita di acqua nell’area interessata senza danneggiare gli oggetti di tutto l’edificio.

Questo genere di impianti è definito a pioggia. Simile a questo l’impianto a diluvio.
Negli impianti sprinkler a diluvio non è presente il tappo e l’elemento termosensibile. L’acqua è trattenuta da una valvola la cui apertura è comandata da un sistema di rilevazione di incendi separato e l’acqua viene quindi scaricata contemporaneamente da tutti gli erogatori.

Invece quello a secco utilizza sempre una rete idrica ma la tubazione è piena di aria compressa, il funzionamento di questo sistema dipende dalla fusione dell’elemento termosensibile della testina determina un immediato abbassamento di pressione nella rete e la conseguente apertura di una valvola di controllo che consente l’afflusso dell’acqua sotto pressione e quindi la scarica. 

Impianti ad Idranti

Questo tipo di impianto è forse il più comune tra i sistemi di protezione attiva contro l’incendio ed è obbligatorio in una moltitudine di edifici come, ad esempio, scuole, autorimesse, ospedali e strutture sanitarie, uffici, cinema e teatri, impianti sportivi, hotel ed alcuni condomini.

Le reti idranti sono tipicamente un impianto ad umido, ossia riempite costantemente d’acqua. E’ quindi essenziale che la rete di tubazioni sia sempre installata in ambienti riscaldati o dove comunque la temperatura non scenda mai sotto i 4°C.
In caso però questo non sia possibile, si può optare per una Rete Idranti a secco che, a differenza della precedente, ha le tubazioni riempite solo con aria (o gas inerte) e, solo al momento dell’attivazione, tali tubazioni saranno riempite con acqua. La rete idranti può essere gestita “a secco” anche solo per brevi periodi durante i quali persiste il problema del gelo, ed essere gestita “a umido” nel resto del tempo.
Un altro tipo di distinzione che si può fare è tra “protezione interna”, realizzata con idranti UNI45 o naspi installati all’interno del fabbricato o comunque in posizione tale da permettere un attacco ravvicinato all’incendio; e “protezione esterna” con idranti a colonna UNI70 o sottosuolo per una lotta all’incendio dall’esterno
La complessità ed estensione della rete dipende dal livello di rischio. La norma UNI 10779 definisce 3 livelli di Pericolosità, in funzione della quantità di materiale combustibile presente, della probabilità di innesco, e della velocità di propagazione delle fiamme.

    Hai bisogno di una consulenza?

    Mandaci il tuo contatto! Il nostro staff ti ricontatterà nel più breve tempo possibile.

    I campi contrassegnati da (*) sono obbligatori.